Gestione ecommerce food: come organizzare le quantità dei prodotti

Gestione ecommerce come organizzare le quantità dei prodotti

Cosa troverai in questo articolo?

Ristovery ti permette di gestire al meglio i prodotti all'interno del tuo ecommerce food. Leggi questa guida per capire tutte le possibilità del tuo delivery privato!
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Contenuti dell'articolo

Ciao, imprenditore!

Continuano le guide di Futuria dedicate all’ecommerce food.

Abbiamo visto, in quelli precedenti, perché è una buona idea optare per il delivery in questo momento storico e, soprattutto, quanto è facile e conveniente usufruire della piattaforma Ristovery.

Oggi, ci concentriamo su un altro aspetto, che riguarda il cuore dell’ecommerce, in generale non solo quello food: ovvero il prodotto.

Gestire i prodotti nel tuo ecommerce food

Nel momento in cui richiedi il tuo ecommerce food con Ristovery, ti verrà consegnata tutta l’architettura del sito, ma tu dovrai pensare all’inserimento del tuo menù tra i prodotti.

Qui, ti abbiamo spiegato come fare.

Una volta inseriti, è chiaro che dovrai pensare alla loro gestione. In un certo senso, questo è tra i vantaggi di Ristovery: ovvero la possibilità di gestire in piena autonomia i tuoi prodotti, senza dover richiedere modifiche alle app di delivery e dover aspettare giorni e giorni prima di vederle realizzate.

Amministrare gli ordini

Il primo obiettivo di un ecommerce, che sia food o meno, è ovviamente quello di vendere. Per questo, è importante anche avere una modalità dell’amministrazione degli ordini tale da garantire un’ottima esperienza di acquisto agli utenti.

In questo modo potrai assicurarti che quegli utenti tornino ad ordinare da te: e questa è una cosa fondamentale nel campo della ristorazione, perché chi ordina da te una volta ha molte più probabilità di rifarlo rispetto a chi non ha mai assaggiato i tuoi piatti.

Con Ristovery, avrai tutto ciò di cui necessiti per gestire al meglio la parte amministrativa, come:

  • l’elaborazione degli ordini,
  • il monitoraggio
  • l’evasione.

Una volta completo, avrai l’opportunità di segnalarne la spedizione / la consegna in corso. Nel caso dell’asporto, questo aspetto è ancora più semplice, poiché concordi preventivamente l’orario della consegna con il tuo cliente.

Aggiornare la quantità del prodotto

Può capitare anche per il tuo ecommerce food di dover “aggiornare” la quantità del prodotto. Oppure dichiararlo esaurito.

Ciò può succedere se, accanto ai piatti pronti, inserisci anche prodotti “di bottega”, oppure quando non puoi creare un piatto a causa di un qualsiasi motivo.

Nella tua area privata, trovi un documento da scaricare gratuitamente dove ti spieghiamo, passo dopo passo, qual è la procedura per aggiornare il quantitativo del prodotto su Ristovery.

Ma vogliamo accennarti ad una possibilità: con Ristovery, entrando nel dettaglio del prodotto, puoi selezionare una modalità tramite la quale il conteggio dei prodotti rimanenti diventa automatico.

Puoi inserire il quantitativo massimo di quel prodotto e, man mano che sarà ordinato, il numero delle disponibilità verrà automaticamente diminuito.

Rimarrà costantemente aggiornato e si rinnoverà in automatico anche nel caso in cui quel prodotto si esaurisca. In quest’ultimo caso, risulterà automaticamente “terminato“.

Senza, tuttavia, eliminarlo del tutto: è importante che sia così, in modo tale che i tuoi clienti sanno che tu vendi quel prodotto, pur non essendo disponibile in quel momento.

Gestione dei prodotti “esauriti”

Se un prodotto è esaurito, possono verificarsi due scenari:

  • il cliente abbandona l’ecommerce food
  • il cliente rimane e cerca un altro prodotto, oppure ritorna nella speranza di ritrovare quello “esaurito”.

In entrambi i casi, ci sono delle strategie che puoi applicare, in modo da evitare di perdere l’utente.

Innanzitutto, puoi comunicare che quel prodotto tornerà disponibile a breve, anche all’interno del titolo stesso. In questo modo, l’utente saprà di trovarlo qualora dovesse ritornare sul tuo servizio di delivery.

Ancora, nel caso in cui dovessero essere prodotti “stagionali”, ad esempio cibi tipici del periodo natalizio, il consiglio è di creare una categoria apposita.

In questo modo l’utente, vedendo una categoria denominata ad esempio “cibo tipico Natale”, capirà che quei prodotti ritorneranno disponibili in quel determinato momento.

La nostra guida termina qui: se vuoi maggiori informazioni su Ristovery e capire come il delivery privato può portarti al successo, contattaci!

Oppure, richiedi una demo gratuita e, in pochi secondi, potrai immaginare come sarà il tuo ecommerce food.

Scopri altri articoli simili...

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram