Lead Nurturing: come creare un processo vincente

Lead Nurturing come creare un processo vincente

Cosa troverai in questo articolo?

Come puoi trasformare i contatti che hai in clienti del tuo business? Con una strategia di lead nurturing! Leggi questa guida e scopri di cosa si tratta.
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Contenuti dell'articolo

Imprenditore,

ti abbiamo più volte parlato dell‘importanza di costruire processi.

Ti abbiamo spiegato come i processi abbattono il rischio di errore. O quanto sono importanti per organizzare al meglio il lavoro del tuo team.

Oggi, vogliamo invece farti capire come creare un processo vincente per l’attività di lead nurturing.

Non sai cos’è il lead nurturing? Non preoccuparti, imprenditore: leggi questa guida e scoprirai un’ulteriore strategia che puoi applicare per raggiungere i tuoi obiettivi di fatturato.

Cos’è il lead nurturing

Iniziamo con un dato: secondo una ricerca di HubSpot, il 79% dei lead (ovvero dei contatti) acquisiti non converte.

In pratica, molto più della metà delle persone che raggiungi mediante una qualsiasi attività di lead generation (ovvero acquisizione dei contatti), non arriva all’acquisto.

Qui entra in giorno il lead nurturing, imprenditore: ovvero una strategia tramite la quale “coltivare” la propria relazione con i propri utenti. Creare engagement, far capire loro che la tua soluzione (che sia un prodotto o un servizio) è la migliore in assoluto.

Rinunciare ad un’attività di lead nurturing, significa di conseguenza perdere quasi tutti i contatti acquisiti.

Sei davvero sicuro di voler sprecare il denaro che hai speso in questo modo? Noi pensiamo di no.

Soprattutto dopo aver saputo che secondo uno studio condotto da Forrester (un centro di ricerca), le aziende che implementano una strategia di lead nurturing aumentano le vendite del 50% con il 33% di costi in meno.

Allora, vuoi sapere come puoi implementare un processo di lead nurturing vincente? Continua a leggere!

Costruire un processo vincente di lead nurturing

Tramite il lead nurturing, si accompagna l’utente dalla conoscenza all’acquisto del tuo prodotto o servizio. In questo modo, si costruisce anche un rapporto di fiducia tra cliente e brand.

Ti ricordi quando ti abbiamo parlato del lifetime value del cliente? Ecco, questo può essere anche il primo step per convincere un utente ad affidarsi a te anche più volte in futuro.

Ma come ottenere tutto questo?

Crea contenuti ad hoc

La chiave per ottenere il massimo da un’attività di lead nurturing è di dare il contenuto giusto all’utente giusto nel momento giusto.

Questo implica una necessaria segmentazione dei contatti e una differenziazione dei contenuti da proporre.

Ogni utente si trova in un momento differente del tuo funnel di vendita: c’è chi è all’inizio, chi è un po’ più avanti, chi vicinissimo all’acquisto.

Sarebbe un errore proporre contenuti generici e uguali ad ognuno di questi utenti. Gli utenti potrebbero sentirsi incompresi o comunque capire che si tratta di contenuti non cuciti su misura per le loro esigenze.

Al contrario, diversificare i processi e customizzare i vari contenuti significa rispondere ai bisogni specifici dell’utente, farlo sentire speciale e compreso, convincendolo così che tu rappresenti la soluzione migliore per le sue esigenze.

Sappiamo a cosa stai pensando, imprenditore: è impossibile gestire manualmente il tutto.

Ecco perché dovresti scegliere un CRM di supporto: per te, c’è la piattaforma di Futuria, che è un ottimo alleato anche per le strategie di lead nurturing. Contattaci subito se vuoi saperne di più!

Un CRM ti aiuterà a gestire ovviamente tutti gli utenti, a qualsiasi punto del funnel. Tu, ovviamente, dovrai pensare ai contenuti giusti da proporre ad ognuno di loro.

Utilizza più canali

Molti marketers “a vecchio stampo”, credono che l’unico modo per fare lead nurturing sia quello di inviare mail.

Questo è vero in parte, nel senso che è utile per te imprenditore implementare una strategia anche basata sulle email, ovviamente personalizzate in base alla tipologia di utenti.

Per portare avanti una corretta strategia, è necessario implementare però una strategia multi – canale. Non solo le email, dunque, ma anche ad esempio i social network o l’inbound marketing.

Grazie alla piattaforma che trovi anche da Futuria, potrai organizzare in modo completamente automatizzato un processo che includa più canali.

Colpire quei determinati utenti su più canali, con contenuti dedicato esclusivamente a loro.

Sembra complesso, ma con un CRM è tutto completamente automatizzato: basta impostare il tutto, poi il processo continuerà a vivere in totale autonomia!

Ma cosa proporre ai tuoi utenti? Beh, imprenditore, per scegliere quali sono i contenuti più giusti devi assolutamente conoscere il tuo target.

Iscriviti a Futuria e, nella tua area personale, trovi una risorsa gratuita che ti aiuterà a definire al meglio il tuo target di riferimento!

Puoi proporre contenuti che affrontino i loro problemi, che diano soluzioni alle loro preoccupazioni. Accompagnarli verso la conversione convincendoli che tu sei la soluzione giusta per loro.

Contenuti da fornire, dunque, tramite email, social, blog, video. Qui, il segreto è trovare il giusto compromesso tra un numero eccessivo di interazioni ed uno minimo, insufficiente: il cliente potrà sentirsi soffocato o completamente non considerato.

Entrambe le soluzioni sono rischiose e, di conseguenza, devi necessariamente evitarle!

Ma come identificare le diverse tipologie di utenti?

Puoi diversificare il percorso degli utenti in base a vari dati. Tra questi, il più utile è sicuramente il lead scoring.

Secondo uno studio di Lenksold, il lead scoring è la tecnica più efficace per migliorare la qualità dei lead per il 68% dei marketers.

Lo scoring è a tutti gli effetti un punteggio, che viene dato ai singoli utenti in base alle azioni compiute sui tuoi canali.

Il che significa che un utente con uno scoring alto è più “attivo” di uno con uno scoring basso. Tradotto? Un lead con punteggio alto ha più probabilità di convertire.

Come si calcola il punteggio?

Si prendono in considerazione una serie di informazioni o comportamenti, come interazioni sul sito, conversioni precedenti, comportamento sui social.

Grazie a questo punteggio, che viene calcolato in automatico dal CRM e che trovi ovviamente anche sulla piattaforma di Futuria, puoi stabilire il “punto” del funnel raggiunto dai vari utenti e capire chi è pronto all’acquisto e chi ha invece bisogno di più tempo.

Per farti un esempio, un contatto che visita ogni giorno il tuo sito, che ha richiesto maggiori informazioni o che cerca il tuo business sui social è potenzialmente più vicino all’acquisto di chi, magari, ha visitato il tuo sito solo una volta.

Imprenditore, curioso di sapere come la piattaforma di Futuria può aiutarti a fare lead nurturing?

Non aspettare ancora, contattaci subito!

Iscriviti alla newsletter

Scopri altri articoli simili...

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram