Prodotto singolo e catalogo di prodotti: come cambiano le strategie

Cosa troverai in questo articolo?

Vendere un prodotto o più prodotti determina un cambiamento nella tua strategia di marketing: scopri in che modo puoi definirle e quali sono le differenze tra loro.
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Contenuti dell'articolo

Ciao, imprenditore!

Il contenuto di oggi ti darà la possibilità di ripensare alla struttura del tuo business e, nello specifico, a quello che può essere considerato il tuo “figlio adottivo”: quello che vendi, il tuo prodotto. 

Esistono infinite possibilità di vendita del prodotto, ma è chiaro che la strategia deve essere impostata tenendo conto soprattutto di una cosa: se è un singolo prodotto, oppure più di uno. 

A breve capirai come puoi muoverti in entrambi i casi, ma non ci limiteremo a questo: vogliamo partire da qualche consiglio relativo proprio all’ideazione del prodotto da vendere. 

Cosa vendere online: il prodotto ideale

Sappiamo che probabilmente hai già una tua attività e hai già ideato il prodotto o i prodotti da vendere. Ma non è detto che sia così: magari sei un imprenditore in cerca di nuove idee e di nuove opportunità di business. O semplicemente di nuove idee da inserire nel business che hai già creato.

Ci sono diversi modi per “capire” quale prodotto può avere successo, sia online che offline. In linea di massima, nella ricerca di nuove opportunità puoi partire ponendoti delle semplici domande, come:

  1. che problema possono avere i clienti che non ha ancora una risoluzione concreta
  2. che passioni hai tu imprenditore o i clienti che conosci
  3. che esperienza hai che può esserti utile nell’ideazione e nella promozione di un determinato tipo di prodotto
  4. che gap esiste che ancora non è stato in qualche modo colmato
  5. quali sono i trend emergenti
  6. quali sono le nicchie di mercato che non sono state ancora “occupate” del tutto.

Partendo dalle risposte che dai a queste domande, può sicuramente venirti in mente un’idea vincente. Un’idea di prodotto che non è stata ancora concretizzata da altri imprenditori come te. 

Se fosse semplice, di certo non saremmo qui a parlarne. Però non è neanche impossibile: se così fosse, non esisterebbe più nessuna attività, non trovi?

Esistono idee vincenti ed esempi di persone che hanno rivoluzionato il mercato rispondendo proprio alle domande di cui sopra.

Ad esempio, quella di Active Hound, un’attività che si occupa della vendita di articoli per cani. Dopo aver effettuato un sondaggio informale tra i proprietari di cani, è emerso che il problema di molti era semplicemente uno: i giocattoli per cani sono troppo fragili, durano poco e si distruggono troppo facilmente. 

La soluzione di Active Hound è stata altrettanto semplice: l’azienda ha puntato sulla creazione di giocattoli più resistenti e, di conseguenza, più duraturi. 

Un altro esempio è costituito da Black Milk Clothing, un’azienda fondata nel 2009, che è riuscita a capire un trend molto particolare del momento: quello dei leggings. Si, hai capito bene: quei pantaloni che suscitano allo stesso tempo amore e odio, piacere e, in un certo senso, orrore. 

Che piacciano o no, i leggings sono tra i capi di abbigliamento più acquistati. Così, l’ecommerce ha creato dei particolari modelli che riprendono altrettrettanti trend della cultura pop contemporanea. Esemplare è, in merito, la linea dedicata al Trono di Spade. 

Ancora, vuoi seguire una tua passione? Niente di più semplice. L’esempio in tal senso è quello di Eric Bandholz che ha fondato un blog dove parla di strategie di vendita e di business. 

Ma la sua passione era un’altra: la barba. Così, ha implementato la sua attività con questa passione, inserendo nel blog articoli a tema. Per poi aprire un ecommerce, separato, dedicato alla vendita di prodotti per la cura della barba. 

Ti potremmo fare altri mille esempi, ma ciò che conta è che tu capisca che non è così difficile avere un’idea. Fondamentale diventa il passaggio successivo: ovvero far conoscere il tuo prodotto innovativo, pubblicizzarlo, far emergere negli appartenenti al tuo target di riferimento la voglia e la necessità di comprarlo. 

Non pensare che queste idee rivoluzionarie siano solo appannaggio dei grandi marchi. Insomma, se vuoi trovare una scusa per non provarci neanche, fa pure

Ma se non sei quel tipo di imprenditore, se sai che i fallimenti fanno parte del “gioco” (e non è detto neanche che sarà un fallimento), se credi nelle tue possibilità e nelle tue capacità, allora devi assolutamente provarci!

Ricordi il Fire Phone di Amazon? E il social network Google Plus?

Ecco, neanche noi. Ma Amazon e Google di certo non hanno deciso di mollare, nonostante questi lampanti fallimenti. Perché dovresti farlo proprio tu? 

Non sentirti inferiore ai grandi colossi: ognuno di loro è partito da poco e ognuno di loro è diventato grande per la tenacia e l’impegno di una o più menti. Dovrebbero essere solo dei grandi stimoli a fare meglio, non una SCUSA per fare zero!

Singolo prodotto VS catalogo di più prodotti

Che tu voglia pubblicizzare un nuovo prodotto o continuare su quelli che hai già trovato, devi sapere una cosa fondamentale: esiste una enorme differenza, nel marketing, tra la promozione di un solo prodotto e quella invece di più prodotti. 

La differenza di fondo è nel funnel, ovvero nella strategia di vendita che vai ad impostare. Avere un singolo prodotto è un conto, vendere più prodotti, anche diversi tra loro, è completamente diverso. 

Singolo prodotto

Vendere un singolo prodotto ha qualche vantaggio, ma anche qualche svantaggio. Partiamo dai primi.

Innanzitutto, puoi concentrare la tua comunicazione interamente sulla promozione di quel prodotto. Puoi strutturare un funnel di vendita più specifico e indubbiamente creare anche solo una landing page, invece di un sito più complesso.

Non avrebbe senso infatti creare un ecommerce per la vendita di un solo prodotto, dal momento che puoi fare a meno di molti strumenti che offre questa tipologia di sito, come ad esempio il carrello. Che senso avrebbe, se l’utente può acquistare solo un prodotto?

Nulla vieta, ovviamente, di creare un’offerta completa, magari offrendo diverse varianti di quel prodotto. Facciamo l’esempio della startup ScattoPro: tramite questo progetto interno, si vende un servizio di fotografia professionale. Un unico prodotto, quindi, ma con più varianti: tre tipologie distinte tra loro in base al quantitativo di servizi incluso e ovviamente al costo. 

Sempre con ScattoPro, abbiamo pensato anche a dei servizi aggiuntivi: questi sono pensati in ottica di cross-selling, proposti dunque in fase di acquisto per “arricchire” il prodotto principale. Chi acquista un pacchetto da 5 fotografie può scegliere, ad esempio, di acquistare contestualmente la stampa delle foto. 

Attenzione, non si può acquistare la stampa delle foto se non effettui lo shooting: dunque non si tratta di più prodotti, ma di un singolo prodotto arricchito da servizi opzionali aggiuntivi. 

Abbiamo implementato anche un’offerta di up-selling: invece del pacchetto base con 3 fotografie, puoi scegliere quello che ne include 5, o 10. 

Vuoi approfondire le tue conoscenze delle strategie di up-selling e cross-selling? Iscriviti e vai nella tua area download: c’è un documento gratuito proprio su questo argomento che ti aspetta!

Lo svantaggio è chiaro: difficilmente la stessa persona acquisterà da te più volte. Se vendi un prodotto che si consuma, è molto più probabile. Ma se vendi un servizio come ScattoPro, ad esempio, è quasi impossibile che una persona acquisti da te più volte. 

Non può acquistare più volte ma sicuramente consigliare il tuo prodotto o servizio, qualora rimanesse soddisfatto. Per questo è importante affidarsi ad un CRM e automatizzare alcuni processi, tra cui proprio la richiesta di feedback, fondamentale per far capire agli altri potenziali acquirenti che acquistare il tuo prodotto è la scelta giusta. 

Te ne abbiamo parlato qui. 

Più prodotti 

Se hai un’attività che propone la vendita di più prodotti o servizi, è chiaro che la strategia deve essere diversa. Innanzitutto, hai bisogno di un ecommerce strutturato, suddiviso per categorie, con catalogo e ovviamente il carrello. 

La struttura dell’ecommerce dovrà essere impeccabile e totalmente priva di confusione e disorganizzazione. Devi pensare a categorie e sottocategorie di prodotto, il modo da rendere semplice ai tuoi potenziali clienti la ricerca di quello a cui sono davvero interessati. 

In questo caso, hai anche la possibilità di vendere più volte allo stesso cliente. Questo è ovviamente uno dei vantaggi di questo tipo di business, poiché se riesci a garantire ai tuoi utenti un’ottima esperienza di acquisto, aumenti le possibilità che lo stesso utente acquisti nuovamente da te.

Si tratta del lifetime value, di cui ti abbiamo parlato qui. 

In questo caso, puoi anche pensare a strategie di advertising personalizzate. Nel momento in cui i tuoi potenziali clienti visitano il tuo ecommerce, è molto probabile che siano interessati a determinate categorie o prodotti. 

Tramite il CRM, puoi monitorare la loro attività e definire un tag specifico nel momento in cui una persona risulta molto interessata alla categoria X. In questo modo, puoi impostare delle campagne di advertising che propongono a quel determinato cliente i prodotti di quella categoria.

Come dici, è magia? No, imprenditore, non è una magia: è il CRM! Uno strumento davvero essenziale per potenziare e migliorare il tuo business. Ovviamente, devi impostare i contenuti nel migliore dei modi possibili. 

Nella tua area download, trovi anche un approfondimento su quello che il CRM può fare per il tuo ecommerce.

Devi ottimizzare le attività di copywriting e di grafica, devi pensare a inserzioni che emergano rispetto alle altre e convincano quell’utente ad acquistare da te e non da qualcun altro. Garantendo ovviamente un’esperienza di acquisto ottimale, che non consentirà a queste persone di dimenticarsi di te facilmente. 

Vuoi capire come puoi utilizzare il CRM per migliorare le performance della tua attività? Mandaci un messaggio e richiedi una demo della piattaforma: è gratuita e senza impegno!

Continua a seguirci e a rimanere aggiornato sui nostri contenuti. Tra pochissimi giorni metteremo a tua disposizione un corso proprio sulle automazioni… GRATIS!

Molti imprenditori si sono già iscritti e lo riceveranno non appena sarà disponibile. Iscriviti subito per non perdertelo! 

Iscriviti alla newsletter

Scopri altri articoli simili...

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

hai un progetto da lanciare o da far decollare?

Credi nel potenziale del digitale ma non sai come sfruttarlo a pieno?