Sito web per avvocato: cosa deve esserci

Cosa troverai in questo articolo?

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Contenuti dell'articolo

Cosa deve contenere un sito web per avvocato? Ma soprattutto, cosa può contenere?

Gli avvocati sono dei professionisti particolari: il loro codice deontologico è molto attento alla possibilità di pubblicizzarsi, ma questo non impedisce di costruire un sito web per avvocati.

Il rispetto della deontologia è sicuramente fondamentale, ma nel rispetto di essa per ogni avvocato è di vitale importanza avere un sito web dove i suoi clienti (e, più importante, i suoi potenziali clienti) trovino tutte le conferme di cui hanno bisogno per affidargli i loro affari.

La conferma del passaparola

Come molti altri professionisti, il lavoro di un avvocato si basa in larga parte sul passaparola.

Sul proprio sito, quindi, l’avvocato dovrà far vedere tutte le conferme di quel passaparola.

Un esempio?

Se si è un avvocato giuslavorista che si occupa principalmente di assistere le aziende, il passaparola correrà tra imprenditori presumibilmente.

Quando un nuovo potenziale cliente (un imprenditore che probabilmente ha qualche problema con un suo ex dipendente) andrà a cercare l’avvocato su Google (ormai chiunque fa così) dovrà trovare nel sito di quell’avvocato contenuti che confermano ciò che il suo amico gli ha detto: articoli di blog che commentano sentenze pertinenti, casi studio (opportunamente anonimizzati), insomma: un sito che parli di diritto del lavoro come focus, e dalla parte dei datori di lavoro.

E questo ci porta ad un’altra componente chiave che un sito di un avvocato deve sempre avere.

La specializzazione ben in evidenza

Sì, lo so, oggi come oggi per sopravvivere qualsiasi studio si occupa di più cose.

Non esiste (quasi) nessun avvocato che si occupa solo di diritto d’autore o di diritto bancario o di salute e sicurezza sul lavoro, di diritto penale dell’ambiente e così via.

Per quasi tutti gli studi, però, c’è sempre una materia prevalente.

Un ramo specifico del diritto di cui si occupa principalmente lo studio.

Ecco, quella materia prevalente va assolutamente messa in risalto il più possibile sul proprio sito.

Perchè?

  1. Per avere un messaggio chiaro (e quindi rimanere più facilmente nella memoria delle persone)
  2. Per poter dimostrare più facilmente la propria autorevolezza in quel settore (nessuno crede ad un avvocato bravo a fare tutto, è molto più facile capire che un avvocato può aiutarmi a risolvere uno specifico problema)
  3. Per poter costruire un sito efficace che porti le persone a contattarti (o a sponsorizzarti ad altri senza che tu faccia pubblicità)

I propri traguardi

Dei giornali hanno parlato di un caso che hai seguito?

Hai scritto degli articoli?

Ci sono delle pubblicazioni?

Sei stato relatore a uno o più eventi?

Queste sono tutte informazioni fondamentali che devono apparire nel tuo sito web.

Parlare di traguardi ottenuti, di cose fatte, rafforza nell’ideale delle persone la tua autorevolezza e le porterà a fidarsi di te.

Soprattutto per un avvocato questa parte è fondamentale, visto che l’utilizzo di recensioni e testimonianze è da considerarsi possibile solo a determinate condizioni.

Una strategia

Per ultimo (ma non certo per importanza) il sito web per avvocato deve contenere una strategia precisa.

In altre parole, il sito web deve avere uno scopo principale e uno o più scopi secondari.

Lo scopo principale potrebbe essere quello di ottenere i dati di potenziali clienti, per esempio facendo sì che scarichino una guida su uno specifico argomento.

In altri casi potremmo preferire rimanere in contatto con i nostri utenti attraverso l’iscrizione ad una newsletter, o invitando a farci seguire sui canali social.

Avere una strategia è fondamentale per ogni professionista, ma l’avvocato deve ricordarsi che il divieto di accaparramento di clienti, oltre a non poter promettere risultati.

Invitare gli utenti a rimanere aggiornati iscrivendosi ad una newslettere (dove, per esempio, si potrebbe comunicare i nuovi articoli del blog o commentare sentenze inerenti al proprio lavoro) non ricade in questo genere di divieto.

Al contrario, poter rimanere in contatto con i propri utenti è un modo efficace per poter generare fiducia e autorevolezza, componenti fondamentali per ogni professionista.

Scopri altri articoli simili...

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

il 97% DEI TUOI CLIENTI POTREBBE NON RIUSCIRE A TROVARTI 🔍